Moscato Asti Docg, ritorno a normalità

Ai primi di settembre il via alla vendemmia delle uve Moscato nei 52 Comuni di produzione delle province di Asti, Alessandria e Cuneo. Lo annuncia il Consorzio di tutela dell'Asti docg in un comunicato. "Si tratta - è spiegato nella nota - di un ritorno alla tradizione o alla 'normalità', visto che storicamente il Moscato bianco atto a divenire Asti dolce, secco e Moscato d'Asti docg veniva vendemmiato proprio da inizio settembre, mentre negli ultimi anni, a causa dei cambiamenti climatici, l'inizio veniva anticipato ad agosto". Secondo il Consorzio "lo stato delle uve è buono dal punto di vista sanitario e l'annata è promettente". Il clima di questi mesi, infatti, caratterizzato da frequenti piogge e forti escursioni termiche, ha favorito lo sviluppo del potenziale aromatico dell'uva, "che sta raggiungendo, settimana dopo settimana livelli molto alti".

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Frassinello Monferrato

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...